Template Tools
Giovedì, 26 Aprile 2018
Sciopero Monte dei Paschi, Dalla Riva: Bene confronto sui contenuti. PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Arno   
Sabato 28 Luglio 2012 10:53



La disponibilità a sedere al tavolo e aprire un confronto non più ''sul piano politico ma su quello dei contenuti'' è la risposta che Banca Monte dei Paschi aspettava dai sindacati proprio nella giornata dello sciopero contro il nuovo Piano industriale 2012-2015. Lo ha detto la nuova responsabile delle risorse umane del Gruppo senese, Ilaria Dalla Riva.

Stamani, durante il presidio davanti a Rocca Salimbeni, quando i manifestanti hanno iniziato a scandire il suo nome, oltre a quelli di Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, è scesa in piazza ha invitato i delegati a un incontro, informale, immediato. La riunione è servita proprio a ribadire la possibilità di aprire un confronto nei primi giorni di agosto, ''noi avvieremo subito le procedure''. A lei i sindacati hanno ribadito le ragioni dello sciopero: ''credo sia un grido di allarme giustificato - spiega la nuova manager del Monte, ricordando anche lo sciopero di Unicredit e quello dei giorni scorsi di Intesa-. La crisi riguarda tutto il sistema bancario ed è chiaro che i sindacati esprimano la loro negatività su alcune parti del piano''.

'Voglio però ricordare - aggiunge Dalla Riva - che non vi saranno licenziamenti e i posti di lavoro saranno garantiti''. ''Il settore bancario è uno dei pochi dove non c'è indotto - prosegue - Noi lavoriamo per trovare un partner che oltre a cogestire le attività di back-office garantisca la conservazione dei posti di lavoro''. Infine, ai sindacati che contestano l'arrivo di manager esterni tra cui proprio lei, Dalla Riva risponde ricordando che ''siamo solo 3 su 31 mila'', e annuncia un ''programma di performance manager per valorizzare tutte le risorse presenti nel Gruppo''.


Chi si auspica un confronto tra azienda e parti sociali per trovare una soluzione positiva per i lavoratori è Niccolò Guicciardini, segretario provinciale del Pd senese.

“Stiamo attraversando – dice Guicciardini – una fase economica difficile, che colpisce tutti i settori produttivi, dall’industria al commercio, dai servizi al sistema bancario. Una crisi che rischia di scaricarsi sui lavoratori e sulle loro famiglie e che riguarda anche le difficoltà della Banca Mps. Dopo lo sciopero e il presidio di oggi in piazza Salimbeni è indispensabile che si apra, al più presto, un confronto concertato tra l’azienda e i lavoratori. Lavoratori ai quali siamo vicini, in questo momento di preoccupazione per il futuro. L’auspicio è che, quanto prima, la Banca ed i lavoratori possano trovare un punto di accordo, per definire il percorso comune che porti al superamento di questa fase difficile ed al rilancio del terzo istituto bancario del Paese”.

nove.firenze.it
 

Ultime Notizie

Le eccellenze delle regioni d’Italia all’82° Mostra dell’Artigianato
Fino a martedì 1 maggio, tutte protagoniste alla Fortezza da Basso, ogni... Leggi tutto...
Oferta dei Censi
  comunicato stampa – 16 aprile 2018 Dal 6 all’8 luglio... Leggi tutto...
Tramvia: lunedì pomeriggio al Teatro del Romito l'incontro sulla viabilità
Nell'assetto definitivo del quadrante di Statuto. Da lunedì al via le... Leggi tutto...
Attacco in Siria: sul palazzo della Regione sventola la bandiera della pace
Enrico Rossi: 'Si rischia escalation militare totale' FIRENZE - Precipita la... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |